20/01/2023
DECRETO MILLE PROROGHE
DECRETO MILLE PROROGHE

Il decreto legge Milleproroghe (dl 29 dicembre 2022, n. 198 “Disposizioni urgenti in materia di termini legislativi“) incassato l’ok del Governo in data 21 dicembre il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Giorgia Meloni, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 303 del 29 dicembre 2022.

Il provvedimento contiene una serie di proroghe dei termini legislativi riguardanti tutti i cittadini in tema di:

  •     pubblica amministrazione,
  •     interno,
  •     economia e finanze,
  •     salute,
  •     istruzione e università,
  •     cultura,
  •     giustizia,
  •     lavoro e politiche sociali,
  •     infrastrutture e trasporti,
  •     imprese e made in Italy,
  •     esteri e cooperazione internazionale,
  •     difesa,
  •     agricoltura,
  •     sport.

Di seguito una sintesi delle proroghe generali e quelle di interesse specifico per i Comuni con la prima nota sintetica dell’Anci, di cui sottolineiamo la proroga del termine per l’aggiudicazione di interventi di edilizia scolastica “zerosei” ed i termini per la messa a norma antincendio edifici servizi educativi e scolastici.


Decreto legge Milleproroghe: breve sintesi delle proroghe

Il provvedimento, contenente disposizioni urgenti in materia di termini legislativi (decreto-legge), incide su diversi settori: dalla sanità alle nuove scadenze fiscali, autorizzazioni per strutture amovibili su suolo pubblico e altro.

Di seguito alcune tra le più importanti disposizioni previste, riguardanti imprese e famiglie.

Pubblica Amministrazione

Prorogate determinate autorizzazioni circa le assunzioni già adottate per le Pubbliche Amministrazioni.
 

Interno

Per l’anno 2023 è autorizzato l’impiego del fondo di solidarietà, risorse stanziate dalla legge di bilancio 2022 con una dotazione complessiva di 10 milioni di euro per l’anno 2022, finalizzato all’erogazione di un contributo nei confronti dei proprietari di unità immobiliari a destinazione residenziale non utilizzabili a causa dell’occupazione abusiva.

Prorogata al 31 dicembre 2023 la validità dei titoli abilitativi alla guida rilasciati dal Regno Unito ai residenti in Italia.
 

Economia e finanze

Slitta dal 31 dicembre 2022 al 30 giugno 2023 il termine per la presentazione della dichiarazione IMU relativa all’anno d’imposta 2021, da parte degli enti, sia pubblici che privati, non commerciali (assistenziali, previdenziali, sanitari, ricerca scientifica, culturali, ricreativi, sportivi, religiosi, trust, oicr).

Si proroga anche per il 2023 il regime di esenzione dall’obbligo di fatturazione elettronica da parte degli operatori sanitari tenuti all’invio dei dati al sistema tessera Sanitaria.

Slitta dal 1° gennaio 2023 al 1° gennaio 2024 la decorrenza del termine per l’applicazione dell’obbligo dell’invio dei dati relativi alle operazioni effettuate in ciascun giorno, all’ammontare globale dei corrispettivi delle operazioni imponibili e alle relative imposte esclusivamente attraverso strumenti tecnologici che garantiscono l’inalterabilità e la sicurezza dei dati, ivi compresi i POS.

In materia di gare per l’affidamento di servizi sostitutivi di mensa resi a mezzo “buoni pasto”, rimane valido l’attuale criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa fino alla data di acquisizione dell’efficacia del nuovo Codice dei contratti pubblici e, comunque, non oltre il 30 giugno 2023.

Si proroga anche al 2023 l’esenzione dall’imposta di bollo per la certificazione dei dati anagrafici in modalità telematica assicurata dal Ministero dell’interno tramite l’Anagrafe nazionale della popolazione residente.
 

Salute

È prorogata fino al 31 dicembre 2023 l’efficacia delle disposizioni in materia di utilizzo della ricetta elettronica.
 

Istruzione e università

Concessi ulteriori due mesi agli enti locali per l’aggiudicazione dei lavori e il conseguimento degli obiettivi del PNRR, nel rispetto della milestone europea fissata al 30 giugno 2023.

Si tratta, in particolare, della norma richiesta dall’ANCI per quanto riguarda l’aggiudicazione dei lavori di messa in sicurezza, ristrutturazione, riqualificazione o costruzione di edifici di proprietà dei Comuni destinati ad asili nido e a scuole dell’infanzia e a centri polifunzionali per i servizi alla famiglia: il decreto Milleproroghe prevede uno slittamento dal 30 marzo a fine maggio per l’aggiudicazione dei bandi riguardanti i progetti per i nuovi asili nido.
 

Utilizzazione suolo pubblico

Posticipata di 6 mesi la possibilità per i pubblici esercizi titolari di concessioni o di autorizzazioni concernenti l’utilizzazione del suolo pubblico, di posare arredi e strutture in opera temporaneamente, senza previa autorizzazione, su vie, piazze, strade e altri spazi aperti di interesse culturale o paesaggistico.

La semplificazione autorizzativa è valida fino al 30 giugno 2023 e riguarda le seguenti  strutture amovibili funzionali all’attività degli esercizi stessi:

  •     dehors,
  •     elementi di arredo urbano,
  •     attrezzature,
  •     pedane,
  •     tavolini,
  •     sedute e ombrelloni.

Avere sempre a disposizione ed in facile consultazione i diversi modelli unificati e standardizzati per i titoli abilitativi in edilizia oggi è più semplice, attraverso l’utilizzo di un software per i titoli abilitativi in edilizia pratico che ti mette al riparo da possibili errori di compilazione.


Lavoro e politiche sociali

Viene prorogato fino al 2025 il meccanismo del “contratto di espansione”, il supporto alle imprese in crisi finanziaria che varino una riorganizzazione aziendale e favoriscano l’esodo anticipato verso la pensione dei dipendenti, che prima era previsto fino al 2023.

    Prorogato anche l’intervento che prevede la riduzione oraria e l’integrazione salariale per determinate categorie di lavoratori, anche per gli anni 2024 e 2025 in favore delle aziende che occupano oltre 50 dipendenti, per un periodo non superiore a 18 mesi, anche non continuativi;
    prorogata al 31 dicembre 2023 la sospensione dei termini di prescrizione degli obblighi contributivi riferiti alle gestioni previdenziali dei pubblici dipendenti e si differisce al 31 dicembre 2023 il termine entro il quale le pubbliche amministrazioni che abbiano instaurato rapporti di co.co.co sono tenute a versare i contributi per la gestione separata;
    prorogata per tutto il 2023 la competenza attribuita in via esclusiva ai consulenti del lavoro e alle associazioni datoriali comparativamente più rappresentative per quel che riguarda la verifica dei requisiti concernenti l’osservanza delle prescrizioni del contratto collettivo di lavoro e la congruità del numero delle richieste di ingresso di cittadini non comunitari.

 

Infrastrutture e trasporti

Si rinvia al 1° gennaio 2024 il divieto di circolazione per i veicoli a motore delle categorie M2 e M3, adibiti a servizi di trasporto pubblico locale, alimentati a benzina o gasolio con caratteristiche antinquinamento Euro 2.
 

Ambiente e della sicurezza energetica

Si proroga il termine per la riperimetrazione dei siti contaminati di interesse nazionale.


Imprese e Made in Italy

Si estende al 2023 la durata dello stanziamento di 40 milioni di euro per l’erogazione dei contributi per l’installazione delle colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici.

In materia di credito d’imposta, considerate le difficoltà di approvvigionamento delle materie prime, si proroga al 31 dicembre 2023 il termine per la consegna dei beni strumentali materiali acquistati entro il 31 dicembre 2022, sempre a condizione che il relativo ordine risulti accettato dal venditore e che sia avvenuto il pagamento di un acconto non inferiore al 20% del corrispettivo pattuito.


Esteri e cooperazione internazionale

Si proroga al 31 dicembre 2023 l’applicazione delle speciali misure di sostegno in deroga (cofinanziamento a fondo perduto) in favore delle imprese che esportano o hanno filiali o partecipate in Ucraina, nella Federazione russa o in Bielorussia e la possibilità di accedere a cofinanziamenti a fondo perduto, in favore di imprese esportatrici, al fine di far fronte agli impatti negativi sulle esportazioni.


Difesa

Si differisce, al 30 settembre 2023, il termine fissato per gli adempimenti preliminari alle elezioni per il rinnovo dei componenti del Consiglio della magistratura militare.


Editoria

Si proroga al 31 dicembre 2023 il termine legislativo relativo alla scadenza dei contratti in essere stipulati dalla Presidenza del Consiglio dei ministri con le Agenzie di stampa per l’acquisto di servizi giornalistici e informativi.

Di seguito il comunicato del Consiglio dei ministri n. 11 del 21 dicembre 2022, con tutte le proroghe prevista dal provvedimento.


La prima nota sintetica Anci

L’Anci, Associazione nazionale Comuni italiani, ha pubblicato al riguardo la prima nota sintetica circa le norme di interesse per i Comuni, contenute nel decreto Milleproroghe approvato dal Consiglio dei Ministri il 21 dicembre scorso.

Il documento evidenzia alcune misure di interesse per i Comuni, tra cui:

  •     proroga termine per assunzioni assistenti sociali,
  •     deroga inconferibilità di incarichi a componenti di organo politico di livello regionale e locale,
  •     proroga del termine per l’aggiudicazione di interventi edilizia scolastica zerosei,
  •     termini per la messa a norma antincendio edifici servizi educativi e scolastici,
  •     sostegno pubblici esercizi,
  •     regolarizzazione delle posizioni contributive INPS.
  •  

Nuovi asili

In base a quanto chiesto dall’Anci, il decreto proroga il termine massimo fissato ora al 31 marzo 2023 al 31 maggio 2023 per l’aggiudicazione degli interventi di messa in sicurezza, ristrutturazione, riqualificazione o costruzione di asili nido e scuole infanzia di cui al comma 59, legge n. 160/2019, rientranti nel PNRR, consentendo così agli enti locali beneficiari dei finanziamenti di attuare concretamente gli interventi, anche in considerazione dell’ampio arco temporale registrato dalla pubblicazione delle graduatorie alla sottoscrizione degli accordi di concessione del finanziamento. Lo stato di avanzamento dei progetti del Pnrr per asili nido e scuole dell’infanzia è infatti affidato alla realizzazione degli Enti locali.
Antincendio edifici scolastici

Ai sensi della nuova richiesta dall’ANCI, differisce al 31 dicembre 2023 i termini previsti per la messa a norma antincendio al fine di permettere agli enti locali di utilizzare tali risorse anche per l’adeguamento antincendio.

La progettazione antincendio degli edifici fa parte di tutta una serie di obblighi progettuali che a volte possono risultare difficili da tener sott’occhio nella loro complessità! A tal proposito ti suggerisco un software integrato per la progettazione antincendio, di grande aiuto nel cercare le giuste soluzioni per una piena sicurezza degli edifici.

 


Tramite il nostro Cookie Center, l'utente ha la possibilità di selezionare/deselezionare le singole categorie di cookie che sono utilizzate sui siti web. Per ottenere maggiori informazioni sui cookie utilizzati, è comunque possibile visitare la nostra Cookie Policy.