28/07/2022
LAVORATRICI MADRI: AVVISO PUBBLICO RiParto
LAVORATRICI MADRI: AVVISO PUBBLICO RiParto
OBIETTIVI
Promuovere la realizzazione di progetti di welfare aziendale, con il fine di sostenere il rientro al lavoro delle lavoratrici madri e di favorire l’armonizzazione dei tempi di lavoro e dei tempi di cura della famiglia.
Incentivare lo sviluppo di progetti capaci di fornire un sistema integrato di strumenti quali benefit, facility e servizi alla persona atti a concorrere sinergicamente alla risoluzione di problematiche comuni alle lavoratrici madri dopo l’arrivo di un nuovo figlio
Le imprese possono chiedere finanziamenti per proposte progettuali che promuovano azioni rientranti nelle seguenti aree di intervento:
 
a) Flessibilità oraria e organizzativa: banca del tempo, telelavoro, part-time, assunzioni a termine in sostituzione delle lavoratrici in maternità, permessi e congedi aggiuntivi.
b) Promozione e sostegno della natalità e della maternità, nonché reinserimento delle lavoratrici dopo un periodo di assenza dal lavoro per motivi legati ad esigenze di conciliazione: incentivi alla natalità, iniziative di formazione e aggiornamento rivolte alle lavoratrici per l’accompagnamento al rientro al lavoro.
c) Interventi e servizi: servizi di supporto alla famiglia, tutela della salute, sostegno psicologico e fisico, time savingflexible benefit e ulteriori misure di sostegno alle lavoratrici, attività organizzative, informative e di comunicazione, azioni volte alla creazione e al mantenimento di reti territoriali.
 
Destinatarie delle azioni progettuali sono le lavoratrici dipendenti a tempo indeterminato e determinato, anche in part time, del soggetto proponente sia in forma singola che associata, incluse le dirigenti, le socie lavoratrici di società cooperative, le lavoratrici in somministrazione nonché le titolari di un rapporto di collaborazione purché la natura e le modalità di esecuzione del rapporto siano compatibili con la tipologia e con la durata dell’azione proposta con la domanda di finanziamento.
La durata delle azioni progettuali è fissata in 24 mesi.
 
Ente erogatore: Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri
 
Le imprese interessate dovranno inoltrare l’apposita domanda di partecipazione al Bando entro il 30 settembre 2022, alle ore 12.00.
L’Ufficio Formazione di Casartigiani Verona è a disposizione per ogni ulteriore informazione a riguardo: corsi@artigianiverona.it

Tramite il nostro Cookie Center, l'utente ha la possibilità di selezionare/deselezionare le singole categorie di cookie che sono utilizzate sui siti web. Per ottenere maggiori informazioni sui cookie utilizzati, è comunque possibile visitare la nostra Cookie Policy.