29/12/2020
NEWS SETTORE AUTOTRASPORTI
NEWS SETTORE AUTOTRASPORTI

Validità delle autorizzazioni 2020 al trasporto merci internazionale.

Si informa che la Direzione Generale per il trasporto stradale e l’Intermodalità del Ministero dei Trasporti, con una Nota del 21 dicembre 2020, conferma che le autorizzazioni internazionali per il trasporto merci relative al 2020 sono valide fino alla mezzanotte del 31 gennaio 2021, eccetto che per alcuni Paesi (Israele, Kyrgyzstan e Svizzera), per i quali le autorizzazioni scadranno alla mezzanotte del 31 dicembre 2020.

 

PATENTI CQC

Una nuova proroga per tutte le categorie di patenti di guida a causa dell’emergenza Covid-19 viene da un emendamento portato alla conversione in Legge del Decreto 125/2020: le patenti che scadono dal 31 gennaio 2020 sono valide fino al 30 aprile 2021 (mentre prima erano valide fino al 31 dicembre 2020). In questo modo, la normativa italiana si allinea con quella comunitaria sulle patenti scadute dal 1° giugno al 31 agosto 2020. Non c’è invece alcuna proroga per le patenti che sono scadute prima del 31 gennaio 2020.

 

La proroga per la Carta di qualificazione dell’autista è diversa, perché ricade sotto l’articolo 103 del Decreto Cura Italia, che stabilisce una proroga di 90 giorni dopo la dichiarazione della fine dello stato di emergenza. Poiché il Decreto 125/2021 stabilisce che tale fine avverrà il 31 gennaio 2021, le CQC sono valide fino al 1° maggio 2021. Ma le CQC godono anche della proroga comunitaria: così, quelle che scadono tra il 30 marzo e il 31 dicembre 2020 hanno un rinvio di sette mesi a partire dalla data di scadenza. Così, le CQC che scadono a dicembre 2020 valgono fino a luglio 2021.

 

ERRU

A partire dal 1° gennaio 2021 entreranno in vigore in tutto il territorio dell’Unione europea le regole istitutive del Registro europeo delle imprese di trasporto (ERRU). In pratica, tutte le violazioni della normativa sui trasporti verranno annotate nel registro e ci rimarranno due anni. A ogni annotazione corrisponde un punteggio, rapportato alla gravità dell’infrazione.

Alla fine, in caso di recidiva, con infrazioni ripetute più volte o in caso di superamento di una determinata soglia (differente in base alle dimensioni dell’impresa), l’azienda rischia sia la sospensione o addirittura la perdita dell’onorabilità e, di conseguenza, la stessa licenza di trasporto.


L’elenco delle infrazioni che comportano punti di penalità è elencato nel regolamento UE 2016/403. Comprende in particolare le violazioni delle norme relative ai tempi di guida e di riposo, ai tachigrafi, ai tempi di lavoro, al peso e alle dimensioni, ai controlli tecnici, ai limiti di velocità, alla competenza del conducente, alle patenti di guida, al trasporto di merci pericolose su strada, all’accesso al mercato e al trasporto di animali.


Il sistema a punti, in realtà, sarebbe dovuto entrare in vigore già nel 2013, ma siccome molti paesi membri non era pronti all’attuazione – in pratica non disponevano di un registro elettronico nazionale – la sua attuazione a livello europeo è stata rimandata fino a oggi. Non senza strascichi legali. Per esempio, nello scorso maggio la Commissione ha presentato ricorso alla Corte di giustizia dell’Unione europea contro Cipro, i Paesi Bassi e il Portogallo in quanto non avevano aggiornato il loro registro delle imprese di trasporto su strada o non avevano creato il collegamento tra il loro registro e l’ERRU entro il 30 gennaio 2019, così come prevedeva il regolamento d(UE) 2016/480.

 

Il Tirolo ha introdotto modifiche alla regolamentazione del divieto notturno sull’autostrada A/12 tra Zirl e Langkampfen.

 

Lo ha comunicato l'associazione Sna CASA specificando quali sono le nuove disposizioni:


- il transito notturno per i veicoli EuroVI è ammesso soltanto fino al 31 dicembre 2020, con Abgasplakette sul parabrezza, nel rispetto delle norme antinquinamento IG-L;
- dal 1° gennaio 2021, il transito notturno per gli EuroVI è ammesso soltanto se il carico o lo scarico di merce avviene nella zona centrale (“Kernzone”) e nella zona estesa (“ErweiterteKernzone”);
- dal 1° gennaio 2021, il transito notturno per gli EuroVI sul tratto dell'autostrada A/12 Inntal tra il km. 72,00 e il km. 90,00 (Ampass–Zirl), è ammesso solo se viene utilizzato per il trasporto di merci da/per le suddette zone;
- il transito notturno è ammesso per i veicoli con trazione elettrica o idrogeno; il transito dei veicoli con alimentazione CNG e LNG è consentito sulla base della legge IG-Luft, legge
sulla protezione delle immissioni in atmosfera.

Di conseguenza, dal 1° gennaio 2021 è vietato il transito notturno ai veicoli EuroVI sulla direttrice Kufstein-Monaco, mentre potranno continuare a transitare di notte in direzione Landeck-Arlberg-Bregenz.

 

La Kerzone comprende i distretti di Imst, Innsbruck-Land, InnsbruckStadt, Kufstein e Schwaz, mentre la Erweiterte-Kernzone comprende in:

 

a) Austria: i distretti politici di Kitzbühel, Landeck, Lienz, Reutte e Zell am See;
b) Germania: i distretti di Bad Tölz-Wolfratshausen, Garmisch-Partenkirchen, Miesbach, Rosenheim e Traunstein;
c) Italia: i comuni distrettuali della Valle Isarco, della Val Pusteria e della Valle Wipptal.

 

Il divieto di circolazione notturna è vigente per autocarri e complessi veicolari di peso superiore a 7,5 ton:

 

a) nel periodo dal 1° maggio al 31 ottobre di ogni anno, nei giorni lavorativi dalle 22.00 alle 5.00 e la domenica e i giorni festivi nel periodo dalle 23.00 alle 5.00;
b) nel periodo compreso tra il 1° novembre di ogni anno e il 30 aprile dell'anno successivo, nei giorni lavorativi dalle 20.00 alle 5.00 e la domenica e i giorni festivi nel periodo dalle 23.00 alle 5.00.
Dal divieto notturno, infine, sono esentati alcuni tipi di trasporto, indipendentemente dalla classe Euro dei veicoli, in particolare:
- il trasporto predominante di prodotti alimentari deperibili con una durata di conservazione di pochi giorni;
- il trasporto di animali vivi;
- trasporti con veicoli a motore da/verso il terminal ferroviario di Hall in Tirolo e da/verso il terminal ferroviario di Wörgl.

 

Esiste la possibilità di richiedere all'autorità amministrativa distrettuale responsabile, una deroga individuale al divieto di circolazione notturno, per singoli casi.